DIETA POST VACANZE + INTERVISTA NUTRIZIONISTI

Modagenovaroma, sempre attenta a far stare bene le donne fra moda e salute,  oggi vi offre ben 6 dettagliate risposte a domande mirate sulla dieta, da parte di due biologhe nutrizioniste, specialiste dell’alimentazione.

Con l’inizio del nuovo anno, i buoni propositi sono molti e gli eccessi alimentari disordinati tipici del periodo natalizio, ci hanno lasciato un abbassamento delle difese immunitarie e un appesantimento generale; per questo urgono riflessioni anche più generali di un rapido recupero post-vacanze

pasticceria

LA DIETA POST VACANZE

Ci piacerà molto e ci farà stare molto bene con noi stesse farci trovare in forma dalla bella stagione – non dimentichiamoci della tripla cura che richiedono la nostra salute e la nostra bellezza; ognuna deve poter trovare infatti il suo equilibrio alimentare fisico e mentale, e per farlo ci si deve far guidare.

Di seguito i contributi delle specialiste, rispettivamente:

La  Dott.ssa Francesca La Farina, Nutrizionista e Specialista in Patologia Clinica. Si occupa di Orientamento Nutrizionale presso l’Università di Roma Luiss Guido Carli e riceve presso gli studi di Roma in viale aventino 38 Tel: 06-57289413 e in via andrea meldola 274 in zona Eur presso lo studio di Medicina Naturale Fabio Giacomozzi www.francescalafarina.it

La Dott.ssa Francesca Argellati, Biologa Nutrizionista e Specialista in Patologia Clinica. Riceve nel suo studio privato in Via Giacometti 38R a Genova e in Via Colombo 12/14 Recapito cellulare 3473338665
www.francescaargellati.it
info@francescaargellati.it

Potrete anche trovare le qualifiche e il curriculum della Dott.ssa Francesca Argellati e della Dott.ssa Francesca La Farina su Linkedin.

Intervista alle nutrizioniste:

Durante le feste, per ben due settimane ho mangiato tantissimi dolci e più cioccolata del solito, rimedi rapidi per recuperare?

Risponde la Dott.ssa Francesca Argellati (Genova)

Durante il periodo delle festività natalizie è cosa frequente mettere su due-tre chili; un “effetto collaterale” spiacevole ma certo non imprevisto, se si pensa che solo il tradizionale pranzo natalizio, dagli antipasti al panettone, può superare le 3500 calorie. Per alcuni giorni dopo le feste quindi, la nostra alimentazione (dieta) dovrà essere improntata a  smaltire gli eccessi alimentari; sulla tavola non dovranno perciò mancare frutta di stagione (in particolare kiwi e arance) ma soprattutto verdure fresche (come zucca e cavoli), tutti alimenti ricchi di sostanze antiossidanti – come le vitamine C, E e il betacarotene, precursore della vitamina A – essenziali per proteggere le cellule dell’organismo dagli attacchi dai radicali liberi, provocati dall’eccesso di grassi in circolo, ma anche ortaggi come carciofi e finocchi, ricchi di sostanze che svolgono un’azione decongestionante e depurativa sul nostro organismo.

Finite le feste e le abbuffate, posso depurarmi e far dieta mangiando esclusivamente frutta e verdura per un pò di giorni?

Risponde la Dott.ssa Francesca Argellati (Genova)

Come descritto in precedenza, frutta e verdura in questa fase sono essenziali ma il nostro organismo necessita anche di importanti macronutrienti; quindi sarà bene dare la preferenza a pasta pane e derivati a base di farine integrali, fonte di carboidrati complessi a minor indice glicemico rispetto ai prodotti a base di farine raffinate, utili per fornire l’energia necessaria all’organismo, da consumare ovviamente in modeste quantità; inoltre sarà utile consumare pesce magro e carni bianche magre, alimenti ricchi di proteine di alto valore biologico che sostengono la massa magra ma sono poveri di grassi

Ho sentito parlare di dieta alcalina, lei cosa ne pensa?

Risponde la Dott.ssa Francesca Argellati (Genova)

La dieta alcalina si basa prevalentemente sul consumo di “cibi alcalini” come tuberi, frutta fresca, legumi e frutta secca e limitando invece cibi dal carattere più acido come la carne e i formaggi: tale approccio alimentare dovrebbe aiutare a favorire uno stato di benessere e salute. Basi scientifiche a sostegno di questa teoria però non ve ne sono, potrebbe essere considerata una delle tante mode in materia di diete che ciclicamente vengono presentate come miracolose.

Possiamo depurarci con i legumi?

Risponde la Dott.ssa Francesca La Farina (Roma)

I legumi sono un alimento ottimo da un punto di vista nutrizionale, il cui consumo va fortemente consigliato nella dieta di tutti i giorni. In un’alimentazione ben bilanciata bisognerebbe consumarli almeno 4 volte a settimana e 5 in una dieta vegetariana/vegana. I legumi sono gli alimenti vegetali più ricchi di proteine e contengono buone quantità anche di amido, ferro, calcio e vitamine del gruppo B. Hanno un’eccezionale contenuto in fibra, utile per rallentare lo svuotamento gastrico e facilitare il raggiungimento di sazietà ma anche per regolare (riducendolo e rallentandolo) l’assorbimento di zuccheri e grassi. Il consiglio è senz’altro quello di consumare i legumi secchi perché quelli precotti in scatola e vetro, pur essendo di più facile utilizzo, nel tempo perdono potere nutrizionale e possono contenere additivi, aromi, zuccheri e conservanti non utili in caso di persone diabetiche, ipertese o con difficoltà epatiche. Per migliorarne la digeribilità e inattivare anche l’acido fitico in essi contenuto (che ostacola l’assorbimento di minerali preziosi come calcio e ferro) è opportuno effettuare un ammollo prolungato aggiungendo una patata oppure foglie di alloro o di alga konbu. Raccomando l’uso di erbe e spezie ad azione antimeteorica nella cottura e nel condimento quali zenzero, alloro, origano, basilico, menta, erba cipollina, timo, semi di finocchio, rosmarino. Fermo restando che per garantire benefici reali è sempre indispensabile un percorso alimentare personalizzato e mirato, si deve ricordare che la corretta associazione degli alimenti nella composizione dei pasti è la regola generale da seguire per agire a livello delle funzionalità dei vari organi: ad esempio la contemporanea assunzione della carne, uova o del formaggio rende i legumi poco digeribili mentre un pasto perfettamente equilibrato e completo da un punto di vista nutrizionale prevede l’abbinamento dei legumi a cereali quali pasta, riso, farro, orzo con l’aggiunta di una verdura e di un frutto.

In particolare dopo le feste natalizie ecco l’inevitabile problema della pancia gonfia, c’è una dieta per sgonfiarla?

Dott.ssa Francesca La Farina (Roma)

Anche in questo caso, la premessa generale è che benefici ottimali e duraturi si ottengono solo attraverso la conoscenza diretta della persona e la condivisione di un regime alimentare specifico in base alle condizioni generali, i gusti e le specificità fisiche e cliniche di ciascun individuo. E’ bene quindi diffidare da “diete” generiche o da “formule magiche” valide per tutti che spesso si trovano anche in rete. In generale però possiamo dire che per ridurre il gonfiore tissutale risulta utile limitare il consumo dei lieviti, tostare il pane e utilizzare soltanto prodotti a base di lievito madre e mai i lieviti chimici. E’ necessario sostenere e drenare il fegato, stimolare la tiroide ad esempio con un carpaccio o una frittura di pesce (rigorosamente in olio extravergine di oliva) associando le verdure ad azione diuretica per facilitare la funzione renale. Meglio quindi ridurre le verdure ricche in ossalati come spinaci, bieta e asparagi. Al consumo di carne, che è ricca in scorie azotate, e al pesce, ricco in sali minerali, vanno abbinate le verdure crude ricche di acqua di vegetazione come l’insalata, il radicchio, la rucola, le puntarelle, il sedano, i finocchi, l’indivia belga. Finocchi ed indivia mantengono, insieme alla cicoria, azione diuretica anche da cotti. Tisane facili da preparare a casa e ad azione diuretica sono anche l’acqua di cipolla e l’acqua di cicoria. Quest’ultima, insieme alla tisana di cardo o di carciofi (che però non è da consigliare per la ricchezza in ferro nei pazienti con valori elevati di ferritina) ha un’azione drenante a livello epatico, che può sicuramente risultare utile.

Quanto influisce la cottura degli alimenti sulla digestione?

Dott.ssa Francesca La Farina (Roma)

La scelta del metodo di cottura è un fattore determinante in una nutrizione sana, funzionale e personalizzata a seconda quindi delle problematiche del paziente. E’ chiaro che in presenza di difficoltà digestive a livello gastrico e intestinale non si potrà mai consigliare di consumare verdure lesse, minestroni o bolliti perché risulteranno imbibiti di acqua e quindi meno attaccabili dai succhi gastrici. Saranno da consigliare ad esempio le verdure trifolate in padella o ripassate con aglio (che ha azione ipoglicemizzante) e peperoncino (la cui capsaicina, in esso contenuto, determina un miglioramento significativo del metabolismo dei carboidrati e del microbiota intestinale). La carne, in presenza di difficoltà digestive potrà essere, prima della cottura, marinata con del succo di limone in modo da pre-digerire le proteine e facilitare l’attività gastrica. Il latte andrà consumato freddo o leggermente scaldato ma non bollito perché andrebbe incontro a denaturazione delle proteine e dei grassi e risulterebbe non facile da digerire. Per quanto riguarda la cottura a vapore, conservando al massimo i principi nutrizionali degli alimenti, è molto utile per i bambini o per persone debilitate mentre non va assolutamente consigliata a una persona con problemi renali, alla quale invece si consiglierà addirittura la doppia lessatura delle verdure per scaricare il più possibile il contenuto dei sali minerali. Ciò che sottolineo quindi è l’importanza di evitare le diete fai da te perché molto dannose e ciò che fa dimagrire e soprattutto stare bene una persona non è detto che si adatti anche all’altra.

dieta

Ringraziamo per il loro prezioso contributo la Dott.ssa Argellati e la Dott.ssa La Farina.

Lo sapevate che Modagenovaroma, sta preparando per voi, nuovi sconti extra in boutique, eventi con prove gratuite di prodotti e trattamenti viso e moltissimo altro?! Sempre tutto gratis, basta seguirci su facebook, instagram, linkedin, google plus e sul canale modagenovaroma di youtube

Gennaio 2018

Sara

 

 

 

 

 

Ciao! Siamo un attivissimo Blog di Moda e Benessere - Seguici