CRISI DI MERCATO LE SOLUZIONI VISTE DAI GENOVESI

Per questo articolo sulla Crisi di Mercato a Genova ci siamo volute rivolgere a delle Imprenditrici Genovesi per conoscere la loro opinione su cosa si dovrebbe fare per superare questa fase.

La scelta di partire dal proprio territorio per le prime riflessioni in merito, risulta infatti molto azzeccata, proprio come è vero che per cambiare qualcosa si deve partire prima di tutto da se stessi.

La crisi di mercato

Ogni settore ha le sue spine, chi più chi meno, ma qualcosa che ci faccia capire come possono andare le cose se si passa dalle parole all’azione, in parte è già successo e si può già portare ad esempio, come nel caso del latte per le nostre realtà locali.

Genova sta urlando molto forte ai genovesi le sue urgenze: cura del territorio, infrastrutture, riqualifica dei quartieri,…quest’ultima nello specifico parte dalla pulizia in generale sino alla sicurezza e la presenza di negozi e movimentazione.

I negozi su strada sono parte  irrinunciabile per il tessuto socio economico locale.

Ci ha fatto molto piacere e lo scoprirete anche voi leggendo che, intervistate queste imprenditrici, tutte convergano in pensieri e soluzioni che richiamano il ritorno al consumo consapevole, ad una lettura di sé e ad un accrescimento delle proprie capacità.

Cosa fa Modagenovaroma?

Modagenovaroma, nel suo sviluppo oramai avviato del primo portale genovese dello shopping prossimo all’inaugurazione nel 2019, ha infatti risposto alle urgenze di Genova e dei suoi negozianti, che devono entrare nell’ottica di sostenersi con il web.

Il primo Portale Unificato Negozianti Genovesi di Shopping verrà realizzato sul sito www.modagenovaroma.it mentre il blog rimarrà su www.modagenovaroma.com e www.modagenovaroma.blog.

Per i Negozianti non si tratterà solo di essere su internet e dentro un progetto più grande, si tratterà anche di usare il web per la visibilità e notorietà del negozio a prescindere e oltre la vendita on-line.

Vorremmo poter partire da tutti i settori, ma con il vostro sostegno riusciremo a farne quanti più possibili. Ora si parte con il settore Moda, Preziosi e subito dopo con il settore Casa.

Per informazioni sul Progetto potete scriverci tramite la pagina facebook.

I contributi e le intervistate: crisi di mercato come fare?

  • Manuela Carena, con la sua forza travolgente, nota imprenditrice di Moda e Vicepresidente della FederModa, ci riferisce subito quanto segue in merito alla crisi di mercato:

“non credo semplicemente che il commercio tradizionale sia in crisi, perché sono scesi i consumi. E’ cambiato il modo di fare acquisti e noi negozianti tradizionali dobbiamo per forza adeguarci e ‘formarci’ per rispondere al meglio a questi cambiamenti.

E allora sono tante le azioni che possiamo mettere in campo per intercettare i consumatori puntando sull’aspetto della tradizione, delle competenze, della qualità e del servizio, ma con un approccio e una gestione del punto vendita moderna e al passo coi tempi…

una comunicazione professionale ed efficace… e un gioco di squadra all’interno delle associazioni di categoria”

  • Veronica Simeoni Architetto Feng Shui, sempre attenta ai dettagli, alla parte sensibile delle cose e a tutte le forze che sono in campo, ci accompagna nella sua riflessione partendo da dentro la “persona” infatti ci scrive:

“Personalizzare! Prima della crisi del settore immobiliare ed economico le ristrutturazioni di interni, ad esempio, erano fortemente condizionate dall’offerta delle aziende, che con intense campagne di marketing imponevano tendenze e gusti, ed orientavano le scelte dei clienti.

Dopo la crisi di mercato, la necessità di spendere meno, di scegliere meglio, ha invogliato le persone alla ricerca ed al confronto riuscendo però a rendere, anche con poco, unico il proprio spazio.

Meno estetica ma più benessere è diventato un altro dei motivi trainanti, dove il benessere nasce dall’esigenza di tornare a casa, chiudere la porta, e ritrovarsi nel proprio spazio sacro, luogo protetto che porta serenità e nutrimento emozionale.

Riscoprendo quindi la propria interiorità, cercando l’armonia e il benessere, ecco che si aprono le porte verso una ripresa… “

  • Anna Micheletti, ambasciatrice genovese impegnata a far conoscere Genova nel mondo e Dott.ssa in Chirurgia Estetica, grintosa e risolutiva più che mai, vive la domanda posta in termini di necessità da parte delle donne di poter emergere come si meritano:

“Svolgere un lavoro “maschilista” non è né semplice né facile. Molti lavori di fatto lo sono. Si deve mettere in discussione una intera armata di convenzioni, convinzioni e credenze, pali che sono conficcati da una educazione “maschiocentrica”.

Il segreto per riuscire sta tutto qui. Nulla ci è precluso. Le uniche limitazioni che si frappongono tra noi e la realizzazione dei nostri sogni sono quelle che ci poniamo noi nella nostra mente.

Ci vuole coraggio, fatica, dolore, paura di non farcela (gli altri sono bravissimi nel dircelo) ma non ha prezzo dire “Sono io e solo io il capitano della mia vita” ed al “YES, YOU CAN” di Obama aggiungo “Ehm, why not?”.

Credere in se stesse e nella propria creativitá vale ogni mezzo centesimo che scenderemo per riuscirci. Un sogno senza azione rimarrá sempre un sogno. Forza: aprite le ali e volate”

  • Barbara Marras Imprenditrice energica e piena di risorse, fa anch’essa partire le sue riflessioni dall’Io.

“ Nei momenti di crisi c’è chi crea fazzoletti e li commercializza e chi si asciuga le lacrime “.

Dobbiamo capire cosa vogliamo realmente fare nella vita e se siamo disposti a pagarne il prezzo… se vuoi cambiare la tua situazione economica devi iniziare a pensare in maniera diversa, ed iniziare un progetto nuovo, se possibile prima di perdere il lavoro.

“ L’arca di Noe’ va creata prima del diluvio universale“.

Oggi ci sono diverse maniere per poter differenziare le entrate … bisogna però essere nuovamente alunni, umili e sviluppare nuove caratteristiche come il saper comunicare, lavorare in team…

creare un proprio personal branding e dare molto… molto ..prima ..di poter ricevere… ed affidarsi a progetti che possano creare sistemi automatici di guadagni… in modo da poter differenziare le entrate e non rimanere mai più a piedi.

Sistemi legali e funzionali.

  • Livia Bortolotti Marketing Specialist parlerà invece proprio del web per le sue riflessioni sulla crisi di mercato:

“che la crisi abbia colpito tutti (o quasi) non c’è dubbio. Un altro non dubbio è che questa crisi vada sfidata, affrontata (e vinta). Facile no?

In realtà no, ma è proprio nella difficoltà che un azienda o un lavoratore deve tirare fuori la sua forza, intesa come cavallo vincente sfruttando tutti gli strumenti che il mercato attuale ci offre.

Esempio: un’azienda di famiglia che non si specializza ma soprattutto che non è sul web, rischia di morire.

Un dipendente o libero professionista che non fa suo un metodo di lavoro (quindi colui che offre un qualcosa che gli altri non riescono a garantire) è molto probabile abbia dei ritorni maggiori rispetto ad un semplice “funzionario”.

Il tutto se si va incontro alle tendenze del mercato e ancora meglio se si ha l’ingegno di anticiparlo di quel poco (non troppo, diversamente si ottiene l’effetto boomerang).

Nel mio lavoro attuale, in una realtà attiva solo sul web, ogni giorno apportiamo dei cambiamenti legati soprattutto a rendere il nostro sito il più usabile possibile e su tutti i device, per cercare di dare un’esperienza diversa a seconda del mezzo di fruizione. Diversamente, moriremo.

Ci vediamo sui social per parlarne!

Modagenovaroma si ritrova in ogni donna, ma adesso facci sapere la tua opinione, come si esce dalla crisi di mercato partendo da Genova? Ci vediamo su facebook al post dedicato!!!

Modagenovaroma

Settembre 2018

Ciao! Siamo un attivissimo Blog di Moda e Benessere - Seguici